Indicazioni per gli esami nei corsi IFP a.s. 2017-2018

Indicazioni riguardanti gli esami conclusivi dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) finalizzati al rilascio di Qualifiche e Diplomi Professionali attivati dalle Istituzioni formative e, in via sussidiaria, dalle Istituzioni scolastiche nell’anno formativo 2017/2018.
Decreto 3285 del 08.03.2018
Disposizioni applicative a.s. 17-18 (Allegato A). Le disposizioni contengono le misure applicative ed integrative di quanto previsto dalla nuova regolamentazione regionale in materia di esami conclusivi dei percorsi di istruzione e formazione professionali, in particolare: punto 4.5.2. delle indicazioni di cui al DDUO n.12550/2013 e punti 2.1 e 2.4. delle indicazioni di cui al DDS n.7214/2014

COLLEGAMENTO SITO REGIONE LOMBARDIA E PIATTAFORMA PRODE

– Regione Lombardia: Esami di qualifica e diploma professionale IeFP – a.s. 2017/2018
PRODE – Servizio per la gestione della sessione d’esame  
Manuale PROve Di Esame (pdf. 4,96 Mb)
Tutorial PRODE – Video YouTube

DATA DELLA PROVA CENTRALIZZATA

– La prova centralizzatasi svolgerà martedì 5 giugno 2018
– La prova centralizzata per l‘eventuale sessione suppletiva si svolgerà giovedì 6 settembre 2018

CALENDARIO PROVE ANNO SCOLASTICO 2017-2018

Calendario prove a.s. 17-18 e commissioni
Commissione 1: 3OR1 – 3OR2 – 4OR1 (succursale di via Magenta)
Commissione 2: 3OT – 4OT – 3OM – 4I1 – 4I2(succursale di via Magenta)
Commissione 3: 3E – 3EL – 4OR1 (succursale di via Magenta e sede centrale)
Commissione 4: 3M – 4M – 4G1 ( succursale di Albate e sede centrale)
Commissione 5: 3GM1 – 3GM2 – 4G2 (sede centrale)

CRITERI DI AMMISSIONE CANDIDATI INTERNI

Alle prove finali possono essere ammessi gli alunni che abbiano raggiunto tutti gli esiti di apprendimento di cui agli Obiettivi Specifici di Apprendimento (O.S.A.) di Qualifica e Diploma Professionali – di cui ai DGR n. 1544/2010 e n. 9136/2010 per l’ambito delle competenze tecnico professionali ed al DM n. 139/2007 per l’ambito delle competenze di base, nonché concluso il percorso, con frequenza di almeno il 75% della durata complessiva dell’ultima annualità, tenuto conto anche degli eventuali crediti formativi.

CRITERI DI AMMISSIONE CANDIDATI ESTERNI

Ai sensi della Legge Regionale n. 19/2007, all’art. 20, comma 4, fermo restando l’assolvimento del diritto-dovere, possono essere ammessi alle prove finali d’esame dei percorsi di Qualifica e Diploma IeFP anche candidati esterni.

Costituiscono requisito per l’ammissione:
– possesso certificazione finale relativa al ciclo o percorso precedente (diploma di primo ciclo per la Qualifica; possesso di qualifica coerente con il percorso di quarta annualità per il Diploma);
– possesso di una età non inferiore a quella minima prevista per l’assolvimento del DDIF (18 anni, ovvero corrispondente a 12 anni di frequenza di un percorso del sistema di istruzione o formazione, compresa la modalità dell’apprendistato).
– Fermo restando il vincolo dell’età minima, possono essere ammessi all’esame anche alunni con cittadinanza non italiana, privi del diploma di licenza di primo ciclo di istruzione, che non abbiano mai frequentato il percorso o sostenuto l’esame finale di primo ciclo e che abbiano avuto un’ammissione ai percorsi di scuola secondaria superiore.

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE CANDIDATI ESTERNI

La domanda deve essere presentata direttamente dagli interessati ai centri di formazione professionale e alle istituzioni scolastiche utilizzando il modello di cui all’Allegato A1, corredato dalle richieste certificazioni e dichiarazioni sostitutive e di ogni altro elemento utile alla ricostruzione del curriculum formativo e professionale del candidato. Alla richiesta devono essere allegati fotocopie di un documento di identità in corso di validità e del codice fiscale, sia del dichiarante che del candidato, se non coincidenti. Le domande devono pervenire entro 30 giorni dalla data di svolgimento degli esami.

RICONOSCIMENTO CREDITI CANDIDATI ESTERNI

Per ogni candidato esterno l’Istituzione Scolastica al fine dell’ammissione all’esame ed anteriormente alla costituzione della relativa Commissione, dovrà costituire una propria Commissione interna composta dal RRC (Responsabile del Riconoscimento dei Crediti) e da almeno due docenti formatori appositamente designati che, sulla base delle evidenze documentative e/o della definizione e realizzazione di apposite prove, procede all’accertamento del possesso di tutti gli Obiettivi Specifici di Apprendimento (O.S.A.) dell’ordinamento di Istruzione e Formazione Professionale (I.e.F.P.) e, successivamente, alla corrispettiva determinazione del credito formativo. L’attestazione del credito formativo avverrà nelle stesse forme di cui agli allievi interni, fino ad un max di 30 punti. Possono essere ammessi alle prove finali gli allievi che abbiano conseguito un minimo di 18 punti
modello di riconoscimento crediti e attribuzione punteggio.

MATERIALE PER LE COMMISSIONI D’ESAME

Documento Presentazione Terze IFP – Documento presentazione Quarte IFP
– Dichiarazione del commissario
– Allegato D – Indicazioni per la prova professionale
– Griglia di valutazione colloquio classe 3classe 4
Modulo certificazione crediti formativi alunni diversamente abili

RIFERIMENTI PER LA COSTRUZIONE DELLA PROVA CENTRALIZZATA

– Competenza linguistica – Italiano
– Competenza linguistica – Inglese
– Competenza matematica, scientifico tecnologica

INDICAZIONI PER LE PROVE EQUIPOLLENTI PER GLI ALUNNI PORTATORI DI HANDICAP CERTIFICATO

Indicazioni per la redazione della prova equipollente di italiano, inglese e matematica

LE PROVE D’ESAME

L’esame si svolge su due prove (prova professionale e colloquio) predisposte dalle Commissioni e su una prova centralizzata predisposta dalla Regione.

1- prova professionale

ha l’obiettivo di valutare in che misura gli alunni hanno raggiunto gli esiti di apprendimento degli O.S.A. tecnico professionali costituenti il core della professionalità di riferimento e, in via subordinata, delle dimensioni o elementi di competenza anche degli O.S.A. di base in essi implicati;
deve essere definita, sulla base delle indicazioni e degli elementi standard definiti a livello regionale:

  • tenendo conto delle specificità dei differenti processi ed attività professionali, articolandosi quindi in parti correlate e basate sui compiti/attività professionali caratterizzanti (di cui ai corrispettivi O.S.A.) che si integrano per realizzare un prodotto/servizio;
  • in modo tale da garantirne il carattere unitario e pratico-realizzativo (“in situazione”);
    la valutazione e certificazione dei risultati sono effettuati sulla base di una griglia autonomamente elaborata dalle Istituzioni, in cui devono comunque trovare evidenza i seguenti elementi minimi:
  • la/e competenza/e (e loro elementi, in termini di conoscenze ed abilità) oggetto della prova;
  • gli indicatori di padronanza della/e competenza/e;
  • il punteggio (ovvero il “peso”) assegnato agli indicatori.

Con riferimento anche alla partecipazione degli alunni, la prova professionale non può avere una durata inferiore alle quattro ore.
In rapporto alle specifiche finalità ed agli standard minimi di erogazione, le Istituzioni organizzano i laboratori e la somministrazione della prova tenendo conto delle risorse strumentali effettivamente disponibili e prevedendo, laddove necessario, un avvicendamento degli alunni e/o delle classi.

2- prova centralizzata

ha l’obiettivo di valutare in che misura gli alunni hanno raggiunto gli esiti di apprendimento degli OSA di base di riferimento; in rapporto ai suddetti O.S.A., la prova è inoltre definita con riguardo ai diversi livelli europei complessivi caratterizzanti la Qualifica ed il Diploma Professionale regionale ;
assolve anche alla funzione di monitoraggio e di valutazione di sistema;
è diversificata tra esami di percorsi triennali, di quarto anno e in apprendistato;
possiede la seguente struttura per aree, relativamente sia alla Qualifica che al Diploma:
Area dei linguaggi
– competenze di lingua italiana
– competenza di lingua straniera
Area matematico-scientifica
– competenze matematico/scientifiche
La durata della prova è di 4 ore complessive, con esclusione di una pausa di 15 / max 30 minuti, definita in rapporto all’articolazione della prova stessa.
La prova e le procedure di invio sono fornite alle Istituzioni scolastiche e formative con specifica comunicazione, attraverso il sistema informativo regionale. Alle Istituzioni è altresì inviata una tabella di correzione con punteggi e pesi dei diversi item, definita dalla Regione.

3- colloquio

ha l’obiettivo di verificare il raggiungimento del Profilo educativo, culturale e professionale (PECUP) in esito al percorso, con riguardo anche all’accertamento di dimensioni di competenza degli OSA di base e del progetto di vita e personale dell’alunno;
è autonomamente strutturato dalle Istituzioni sulla base della presentazione da parte dell’alunno di un elaborato personale, sotto forma scritta o multimediale, attinente alle tematiche del proprio settore professionale /progetto di vita lavorativo;
anche in riferimento agli esiti delle prove professionale e centralizzata, parte dello stesso deve essere dedicata all’accertamento di dimensioni complessive (ovvero non di specifiche conoscenze ed abilità) delle competenze di base di cui agli OSA (Quali ad es. la padronanza ed efficacia comunicativa, la capacità di orientamento matematico-scientifico o storico-giuridico rispetto a problemi basilari del proprio contesto professionale), nonché alla riflessione circa l’iter formativo realizzato e le scelte maturate in ordine alla prosecuzione degli studi o all’inserimento lavorativo.
Il colloquio ha una durata media di 30 minuti, deve essere effettuato con la supervisione del Presidente e successivamente alla valutazione e alla relativa determinazione formale del punteggio delle prove professionale e centralizzata.
Le prove d’esame, come tutti gli altri documenti, devono essere tenuti agli atti dalle Istituzioni, anche ai fini di eventuali controlli, per un arco di tempo non inferiore ai cinque anni.

I PUNTEGGI

Il totale dei punti attribuibili per la valutazione complessiva dell’esame è pari a 100 massimo, secondo la seguente declinazione:
credito formativo di ammissione: min. punti 18 – max punti 30;
prova professionale: max punti 35;
prova centralizzata: max punti 25, così articolati:

Qualifica Professionale:

  • competenze di lingua italiana: punteggio 10 punti
  • competenza di lingua straniera: punteggio 6 punti
  • competenze matematico/scientifiche: punteggio 9 punti

Diploma Professionale:

  • competenze di lingua italiana: punteggio 10 punti
  • competenza di lingua straniera: punteggio 6 punti
  • competenze matematico/scientifiche: punteggio 9 punti

colloquio: max punti 10.

Il punteggio minimo per il superamento dell’esame ed il conseguimento dell’idoneità è di 60 punti su 100.
Fermo restando il punteggio massimo ottenibile di 100 punti ed in aggiunta al punteggio totalizzato nelle prove, la Commissione, con decisione unanime, può attribuire fino ad un massimo di punti 5 quale valutazione complessiva, per particolari meriti o esigenze di valorizzazione del profilo complessivo del candidato.

 

ARCHIVIO PROVE CENTRALIZZATE

Tracce delle prove centralizzate suppletive a.s. 16-17
– Esame Qualifica terzo anno
Questionari: ItalianoMatematica servizi (grafico multimedia e Moda) – Matematica produzioniInglese
Griglie di correzione: ItalianoMatematica serviziMatematica produzioniInglese
– Esame Diploma quarto anno:
Questionari: ItalianoMatematica servizi (Moda)- Matematica produzioniInglese
Griglie di correzione: ItalianoMatematica serviziMatematica produzioniInglese

Tracce delle prove centralizzate suppletive a.s. 15-16
– Esame Qualifica terzo anno
Questionari: ItalianoMatematica servizi (grafico multimedia e Moda) – Matematica produzioniInglese
Griglie di correzione: ItalianoMatematica serviziMatematica produzioniInglese
– Esame Diploma quarto anno:
Questionari: ItalianoMatematica servizi (Moda)- Matematica produzioniInglese
Griglie di correzione: ItalianoMatematica serviziMatematica produzioniInglese

Tracce delle prove centralizzate a.s. 14-15

– Esame Qualifica terzo anno
Questionari: ItalianoMatematica servizi (grafico multimedia e Moda) – Matematica produzioniInglese
Griglie di correzione: ItalianoMatematica serviziMatematica produzioniInglese
– Esame Diploma quarto anno:
Questionari: ItalianoMatematica servizi (Moda)- Matematica produzioniInglese
Griglie di correzione: ItalianoMatematica serviziMatematica produzioniInglese