Navigazione veloce

Intercultura

Alunni stranieri

interculturaAll’interno della progettazione e per sostenere la gestione dei processi d’orientamento, quali elementi di continuità e di qualità del percorso formativo, il nostro Istituto ritiene che l’Integrazione degli alunni stranieri e l’Educazione alla Globalità sia una priorità formativa nel dibattito pedagogico con la caratteristica della trasversalità. La scuola rappresenta per i ragazzi stranieri ed i loro genitori, un’occasione importante d’incontro con la cultura e la popolazione che accoglie.
Gli alunni stranieri hanno le stesse e, al tempo stesso, diverse necessità rispetto ai loro coetanei: gli stessi compiti di sviluppo, i timori e i desideri di tutti gli adolescenti, ma anche urgenze e sfide difficili di apprendimento linguistico, di adattamento e riorientamento rispetto allo spazio, al tempo, alle regole esplicite ed implicite del nuovo ambiente ed al conseguente radicamento, all’interno di un riferimento culturale diverso. Sono necessarie parole chiave ed attenzioni pedagogiche affinchè l’inserimento dei ragazzi stranieri divenga il primo passo per l’integrazione e lo scambio interculturale: accoglienza, attenzione allo sviluppo linguistico, approccio interculturale. La parola accoglienza deve essere riferita ai bisogni, non solo dei minori, di essere accettati, accolti, riconosciuti e valorizzati, ma anche delle famiglie immigrate. Una scuola che accoglie è attenta alle modalità comunicative, alle relazioni e al clima fra adulti e ragazzi; rende esplicite le proprie regole e modalità di organizzazione e di funzionamento. L’apprendimento e lo sviluppo della seconda lingua, da parte degli alunni stranieri deve essere al centro dell’attenzione didattica e deve prevedere risorse e modificazioni nelle modalità organizzative e “adattamento dei programmi” così come indica la normativa. L’approccio interculturale, attento alle differenze e alle relazioni con l’altro, promuove il confronto, la scoperta, lo scambio fra storie e culture, la valorizzazione e la facilitazione alla sua integrazione nel nuovo contesto sociale.

Vademecum per l’integrazione
Pubblicato dal MIUR “Diversi da chi” un vademecum con dieci raccomandazioni e proposte operative desunte dalle migliori pratiche scolastiche esistenti per una più efficace e corretta organizzazione dell’accoglienza e dell’integrazione degli alunni con cittadinanza non italiana. Il vademecum consente di tradurre in azioni pratiche i contenuti della legge Buona Scuola in tema di integrazione.

Linee guida per l’integrazione degli alunni stranieri
Per orientare famiglie e insegnanti nel complesso impegno per l’integrazioni efficace di alunni stranieri, il Ministero ha emanato il 19 febbraio 2014 le nuove linee guida con lo scopo di individuare alcuni punti fermi sul piano normativo e di dare alcuni suggerimenti di carattere organizzativo e didattico al fine di favorire l’integrazione e la riuscita scolastica e formativa, ferma restando l’autonomia delle istituzioni scolastiche e la loro responsabilità in materia, nel quadro della legislazione vigente.
La via italiana all’intercultura (pdf. 217 Kb): Le azioni per l’integrazione degli alunni stranieri.
L’integrazione scolastica degli alunni stranieri: Sintesi della normativa e cenni sulle strategie didattiche.

Materiale didattico per docenti
On line nel sito esterno il materiale didattico distribuito dall’USR Lombardia, su CD, che raccoglie mappe criteriali, riferimenti normativi, esemplificazioni di prove differenziate e materiali didattici di supporto per gli alunni diversamente abili e per quelli stranieri.
A disposizione:

Materiale didattico per docenti: test d’ingresso

Materiale tratto dal CD “Tutti uguali tutti diversi” distribuito alle scuole dall’USR Lombardia per facilitare il dialogo con gli alunni stranieri e le loro famiglie, e in particolare con i nuovi arrivati, quelli che non possiedono ancora una conoscenza adeguata della lingua italiana

DESTINATARI: Studenti 13 anni – 18 anni

Testo di ingresso: Livello LP principiante (zip. 286 Kb)
Testo di ingresso: Livello A1 molto elementare (zip. 1,31 Mb)
Testo di ingresso: Livello A2 elementare (zip. 956 Kb)
Testo di ingresso: Livello B1 intermedio (zip. 203 Kb)

Criteri e indicazioni per l’iscrizione e l’inserimento degli alunni stranieri

I ragazzi con cittadinanza non italiana, anche se in posizione non regolare, hanno diritto all’istruzione alle stesse condizioni degli alunni italiani. Allo stesso modo hanno l’obbligo di iscriversi e frequentare le scuole statali o paritarie e hanno, pertanto, il dovere di conformarsi in tutto alle disposizioni nazionali in materia di istruzione. La loro iscrizione a scuola può avvenire in qualsiasi momento dell’anno scolastico.
L’art. 45 del DPR 394/1999 Regolamento sull’immigrazione (doc. 17 kb) fornisce criteri e indicazioni per l’iscrizione e l’inserimento degli alunni con cittadinanza non italiana, rimettendo al Consiglio di Circolo/Istituto e al Collegio dei docenti la responsabilità per un corretto inserimento che tenga conto dell’età, dei livelli di competenze e della scolarizzazione pregressa dell’alunno straniero.

Carta dei valori della cittadinanza e dell’immigrazione

Nel sito del Ministero dell’Interno è pubblicata la Carta dei valori della cittadinanza e dell’immigrazione disponibile oltre che in lingua italiana anche in lingua Inglese, francese, spagnola, russa, tedesca, romena e cinese.

Comments off